mercoledì 22 nov 2017
ultimo aggiornamento ore 21.13
CRONACA
ATTUALITA'
INTERVISTE
SPORT
pagina BiancoNera
HANNO DETTO...
L'INTERVENTO DI...
tsunami
pagina dei libri
pagina dell'Arte
pagina della musica
pagina del cinema
pagina della salute
pagina del gelato
pagina delle ricette
pagina delle aziende
pagina degli annunci
pagina dei soldi
pagina degli astri
pagina dei Pezzi da 90
pagina dei concorsi
pagina di Google
pagina del cane Vidar
photogallery
Cerca su Pagina:

Area Utenti
Commenta i nostri articoli:
Username:
Password:
Torino - 30/09/2016CRONACA

Torino e il Piemonte per San Francesco

Il 4 ottobre, in occasione della festa del Patrono d’Italia San Francesco, Torino e il Piemonte doneranno l’olio per tenere acceso il lume che quotidianamente rischiara per un anno intero la cripta dove riposano le spoglie mortali del Santo di Assisi. Per il Piemonte è la quarta volta: era già avvenuto nel 1940, nel 1957 e nel 1996.


 L’olio è uno dei simboli più cari della Chiesa cristiana ed è uno degli elementi caratterizzanti il nostro Paese, in quanto terra di ulivi e rappresenta anche il simbolo della fatica, della generosità e della laboriosità della gente. 

La cerimonia ad Assisi si svolge alla presenza dei fedeli e delle alte personalità ecclesiastiche e civili e si ripete dal 4 ottobre 1939, anno in cui Pio XII proclamava Francesco d’Assisi Patrono primario d’Italia, e da allora una delle regioni italiane, ogni anno a turno, porta in dono l'olio per alimentarla. 


I  310 litri di olio sono offerti da Coldiretti Torino e CIA Torino–Agricoltori Italiani a nome di tutti gli italiani e specialmente dei piemontesi.  300 litri provengono da produzioni di altre regioni, come la Puglia e la Liguria, mentre i rimanenti 10 litri giungono da uno dei pochissimi produttori di olio del Piemonte. Si tratta dell’Azienda Mimosa di Pinerolo con una coltivazione di 550 piante, Maestro del Giusto 2016 della Camera di Commercio di Torino.

 

Seguendo la tradizione, la donazione dell’olio votivo è simbolica e si tramuta nell’offerta di olio d’oliva che verrà consumato durante l’anno dalle istituzioni francescane di Assisi, in particolare dal Sacro Convento di San Francesco, dai Frati della Basilica di Santa Maria degli Angeli e dal Seminario.

All'incontro con i giornalisti erano presenti la Sindaca di Torino, Chiara Appendino, l’Assessore all’Agricoltura della Regione Piemonte, Giorgio Ferrero, il Presidente CIA-Agricoltori Italiani Torino, Roberto Barbero e il Presidente Coldiretti Torino, Fabrizio Galliati.

L’evento del dono dell’olio si articolerà tra il 3 e il 4 ottobre nella Basilica papale di Santa Maria degli Angeli in Porziuncola, nella Basilica Superiore di San Francesco di Assisi, nel Sacro Convento e nella Basilica Inferiore di San Francesco.


 La Lampada votiva è stata ideata nel 1937 dall’architetto Ugo Tarchi ed è realizzata in bronzo lucido e argento, alta un metro e venti e si trova nella Basilica Superiore.


Versione per stampa
REDAZIONE - PUBBLICITA' - PROMOZIONI - _ - Road Communication sas Editrice P.I. 09842050016 - Copyright © Pagina - All rights reserved
Powered by Blulab