martedì 21 nov 2017
ultimo aggiornamento ore 18.46
CRONACA
ATTUALITA'
INTERVISTE
SPORT
pagina BiancoNera
HANNO DETTO...
L'INTERVENTO DI...
tsunami
pagina dei libri
pagina dell'Arte
pagina della musica
pagina del cinema
pagina della salute
pagina del gelato
pagina delle ricette
pagina delle aziende
pagina degli annunci
pagina dei soldi
pagina degli astri
pagina dei Pezzi da 90
pagina dei concorsi
pagina di Google
pagina del cane Vidar
photogallery
Cerca su Pagina:

Area Utenti
Commenta i nostri articoli:
Username:
Password:
Xavier Jacobelli - 30/07/2013INTERVISTE

ITALIA AL TOP CON GLI STADI DI PROPRIETA'

Xavier Jacobelli, direttore editoriale del sito “Calciomercato.com” e figura di spicco del giornalismo italiano (in passato ha diretto i quotidiani “Tuttosport”, “Corriere dello Sport-Stadio”, “Giorno”, “Qs Quotidiano Sportivo”, “Quotidiano.net”), ha accettato di essere sottoposto a qualche domanda sul mondo del pallone per “Pagina” .

Analizzando la situazione attuale ritiene che la Juventus possa essersi rinforzata così tanto da mantenere inalterato il divario tecnico che nella scorsa stagione la separava dalle altri rivali nella corsa allo scudetto, Napoli inclusa?

Inalterato no, ma sicuramente la Juventus ripartirà con il ruolo di favorita per due motivi: il primo è rappresentato da quanto di buono ha fatto in questi due anni; il secondo, invece, deriva dalla bontà degli acquisti messi a segno sino ad oggi. Mi riferisco agli arrivi di Llorente, Tévez e Ogbonna. Questo non vuol dire che il prossimo campionato sarà per lei una passeggiata di salute. Fiorentina e Napoli, ad esempio, sono le due rivali che in questo momento si sono maggiormente rinforzate, legittimando le ambizioni che nutrono. Fermo restando che le valutazioni finali si potranno fare soltanto alle 23.00 del prossimo 2 settembre, quando si chiuderà questa sessione estiva di calciomercato. Non bisogna dimenticare che i club appena citati lo scorso anno avevano raggiunto rispettivamente la seconda e la quarta posizione in serie A. Di certo si può affermare che stiamo assistendo ad un'importante inversione di tendenza nel calcio italiano: Tévez, Llorente, Gomez, Higuain, Albiol, Callejón, Anderson... campioni affermati e giovani talenti hanno scelto di venire a giocare in Italia. Rispetto a quanto accaduto negli scorsi anni questo è un segnale indubbiamente positivo.

Tra i grandi calciatori che in questo momento militano nei campionati esteri ce n'è uno in particolare che avrebbe piacere di ammirare nel nostro paese?

Sarei tentato di rispondere Messi o Cristiano Ronaldo, ma immagino che risulterei troppo banale... (ride, ndr). Mi sarebbe piaciuto il ritorno di Ibrahimovic, perché per me è un giocatore che continua a rappresentare un valore aggiunto in tutte le squadre nelle quali milita. Purtroppo, però, Mino Raiola ha dimostrato ancora una volta di essere il numero uno nel suo campo dato che poche ore fa è riuscito a strappare un aumento dell'ingaggio per il suo assistito. Motivo per il quale, ovviamente, lo svedese continuerà ad essere un calciatore del Paris Saint-Germain anche per il prossimo futuro.

Secondo lei quanto tempo bisognerà attendere prima di poter definire nuovamente la serie A come il campionato più bello del mondo?

Intanto sarebbe importante se il Parlamento approvasse il disegno di legge sugli stadi. Senza gli stadi di proprietà il calcio italiano non può andare da nessuna parte. La Juventus rappresenta la prima, positiva eccezione. Dopo il primo anno di gestione del nuovo “Juventus Stadium” il fatturato della società bianconera ha registrato un notevole aumento. Anche l'Udinese, la seconda rarità di questi tempi, spenderà sì la cifra di venticinque milioni di euro nella ristrutturazione dello stadio “Friuli”, ma avrà in comodato d'uso per novantanove anni la superficie sulla quale sorge l'impianto grazie ad un intelligente accordo con il comune di Udine. A partire dalla stagione 2014-15, quindi, potrà beneficiare dei frutti del proprio investimento. Ci sono altri club che hanno dei progetti interessanti, ma ognuno di loro si scontra con enormi difficoltà burocratiche che finiscono con il bloccare la creazione di strutture che vivrebbero ventiquattro ore su ventiquattro, non un giorno ogni quattordici, esattamente come sta già accadendo in Inghilterra, Olanda, Germania, Spagna, Portogallo... Sono queste le operazioni che consentirebbero alle nostre società di non trovarsi in perenne difficoltà economica rispetto ai club esteri, costringendole a compiere dei salti mortali per portare a compimento trattative difficili partendo da una posizione indubbiamente svantaggiosa. Un solo dato di riferimento: il Paris Saint-Germain ha speso quattrocentotrentacinque milioni di euro negli ultimi due anni. Una follia...

Sempre in tema di fuoriclasse, ritiene che a Neymar verrà effettivamente concessa la possibilità di mostrare tutto il proprio talento oppure farà anche lui la stessa fine di quei campioni (Eto'o, Villa, Ibrahimovic, Henry) che a Barcellona, nel corso degli anni, hanno finito per rimanere oscurati dalla presenza ingombrante di Lionel Messi?

No, penso di no. Stiamo parlando di un fenomeno, di un ragazzo di ventuno anni dalle notevolissime potenzialità, come ha avuto modo di dimostrare durante la recente Confederation Cup. E' un giovane dalle idee chiarissime, che ha saputo cogliere al volo l'opportunità offertagli dal Barcellona per provare ad imporsi anche nel calcio europeo in quello che sarà, oltretutto, l'anno in cui si svolgerà l'edizione del campionato del mondo ospitata proprio dal Brasile. Spetterà a Martino, il nuovo tecnico dei blaugrana, trovare la formula giusta per sfruttare tutto il potenziale a sua disposizione e per cercare di aiutare l'ambiente a superare il trauma rappresentato dal dramma che sta ancora vivendo Vilanova, il precedente allenatore. Non va dimenticato che nonostante i problemi del recente passato il Barcellona è riuscito a vincere il campionato accumulando la bellezza di cento punti e distanziando il Real Madrid, l'avversario storico, di ben quindici lunghezze.

Cosa pensa possa aggiungere Guardiola al fortissimo Bayern Monaco ereditato da pochi giorni dalle mani di Heynckes? La recente sconfitta dei bavaresi contro il Borussia Dortmund, ovviamente, non può ancora fare testo...

Sono d'accordo con lei. Ho già sentito troppi epitaffi in merito alla finale di Supercoppa di Germania vinta con pieno merito dal Borussia Dortmund, una signora squadra. Al tecnico spagnolo va lasciato il tempo necessario per creare il giusto mix tra la potenza e l'esplosività di una formazione che nella passata stagione ha vinto tutto, e la fantasia e la mentalità spregiudicatamente offensivista che caratterizzano il suo modo di vedere il calcio. Lo spettatore paga il biglietto per divertirsi, la strada è quella giusta. Nella Bundesliga, poi, ci sono stadi fantastici, ambienti straordinariamente belli, ideali per chi vuole seguire la propria squadra. La media spettatori è diventata la più alta in Europa: l'anno scorso fu di quarantatremilaquattrocentoventuno spettatori. Guardiola, in buona sostanza, è stato bravo a scegliere il Bayern Monaco e la Bundesliga come tappe per continuare la propria carriera di tecnico di successo.

Alla luce della sua fortunata esperienza giornalistica quale consiglio si sentirebbe di fornire ad un giovane alle prime armi nel mondo odierno dell'informazione?

Deve avere una grande passione. Si deve lasciare guidare da quella, dalla passione, in qualunque ambito decida di cimentarsi: cartaceo, informatico, radiofonico, televisivo. Il secondo consiglio è quello di non demordere, dato che attualmente le condizioni nel campo editoriale sono obiettivamente difficili. Ma sono convinto che chi ama realmente questo mestiere e lo vuole fare a tutti i costi alla fine ce la possa fare.

Thomas Bertacchini


Versione per stampa
REDAZIONE - PUBBLICITA' - PROMOZIONI - _ - Road Communication sas Editrice P.I. 09842050016 - Copyright © Pagina - All rights reserved
Powered by Blulab