martedì 21 nov 2017
ultimo aggiornamento ore 11.13
CRONACA
ATTUALITA'
INTERVISTE
SPORT
pagina BiancoNera
HANNO DETTO...
L'INTERVENTO DI...
tsunami
pagina dei libri
pagina dell'Arte
pagina della musica
pagina del cinema
pagina della salute
pagina del gelato
pagina delle ricette
pagina delle aziende
pagina degli annunci
pagina dei soldi
pagina degli astri
pagina dei Pezzi da 90
pagina dei concorsi
pagina di Google
pagina del cane Vidar
photogallery
Cerca su Pagina:

Area Utenti
Commenta i nostri articoli:
Username:
Password:
TORINO - 16/01/2014L'INTERVENTO DI...

CENTRO PEDONALE, NON SOLO VIA ROMA

Bike Pride

Nella primavera del 2011, la campagna elettorale di Piero Fassino trovò un momento di slancio e forte consenso nel momento in cui il candidato, ora primo cittadino, dichiarò senza mezzi termini di voler pedonalizzare il centro di Torino sul modello di molte realtà europee.
Nonostante qualche voce contraria, nel corso di questi due anni, i principali quotidiani hanno effettuato sondaggi da cui è emersa in modo chiaro e ineluttabile la volontà dei cittadini: fra il 70 e l'80% degli intervistati si è dichiarata favorevole.
La proposta di pedonalizzare via Roma (e via Po) va nella direzione giusta, già intrapresa da decenni da gran parte delle realtà urbane europee più prospere
A Torino centro, tuttavia, esistono numerose vie che per ragioni commerciali, culturali e sociali sarebbero perfette attrattrici di traffico pedonale come e meglio di via Roma e via Po, già coperte da portici.
Con un budget modesto – New York, oltreoceano, fa da capofila a questo rinnovamento urbano a costi contenuti – si possono riconsegnare ai cittadini e ai turisti aree tutt'ora sfruttate dal solo passaggio di mezzi motorizzati.
Ma dove passeranno poi le auto?
Il problema, ricordiamo, non è dove spostare il traffico, ma come ridurlo drasticamente. E come aumentare il numero di persone, anziché quello delle auto.
Cogliamo l'occasione – come associazione Bike Pride e in coordinamento con le altre associazioni ambientaliste e FIAB (Federazione amici della bicicletta) – per stilare una lista delle possibili candidate: chissà che anche i commercianti non ci diano qualche ragione.
1. Via Verdi da via Roero di Cortanze a via Giulia di Barolo (2 isolati). Tratto con poco traffico e alto numero di studenti e attività culturali, ricreative e di ristorazione.
2. Via Mazzini da via Lagrange a via San Massimo (3 isolati). Tratto di strada già in porfido con forte vocazione commerciale ma limitata da traffico e auto in sosta. Ok passaggio auto per parcheggio piazza Bodoni.
3. Via Principe Amedeo fra piazza Vittorio e via San Massimo (2 isolati). Isolato con forte presenza di locali commerciali e di ristorazione (aumentati dopo il tracciamento della pista ciclabile), e una forte presenza pedonale, parallelo di via Po.
4. Via Monferrato (isolato tra via della Regina e via Romani). Angolo di alto pregio, costellato da numerose attività commerciali, sfrutta male la propria posizione e inclinazione, presentandosi come una strada gravata da parcheggi e traffico.
5. Via Santa Teresa (da piazza Solferino a piazza San Carlo). Via fra le più penalizzate dal passaggio del traffico (a seguito della chiusura di via Pietro Micca) nonostante la posizione centrale, l'alta presenza di attività commerciali di pregio.

Versione per stampa
REDAZIONE - PUBBLICITA' - PROMOZIONI - _ - Road Communication sas Editrice P.I. 09842050016 - Copyright © Pagina - All rights reserved
Powered by Blulab