martedì 16 set 2014
ultimo aggiornamento ore 21.28
CRONACA
ATTUALITA'
INTERVISTE
SPORT
pagina BiancoNera
HANNO DETTO...
L'INTERVENTO DI...
tsunami
pagina dei libri
pagina dell'Arte
pagina della musica
pagina del cinema
pagina della salute
pagina del gelato
pagina delle ricette
pagina delle aziende
pagina degli annunci
pagina dei soldi
pagina degli astri
pagina dei Pezzi da 90
pagina dei concorsi
pagina di Google
pagina del cane Vidar
photogallery
Cerca su Pagina:

Area Utenti
Commenta i nostri articoli:
Username:
Password:
Attenti al cane - 16/04/2012pagina del cane Vidar

I cani sono fatti per volare

I cani sono nati per volare. Se Darwin avesse fatto in tempo a vedere i fratelli Wright in azione l’avrebbe capito subito. E’ inutile perdere tempo ad analizzare pinne, piume e scheletri; la prova è sotto gli occhi di tutti: a nessuna specie al mondo gli occhiali da aviatore stanno bene come ai cani! Prima o poi l’evoluzione farà il suo corso e anche il resto di noi si adatterà agli occhialoni. Io poi sono un grande fan delle compagnie aeree low cost. E infatti oggi vi parlo di questo, perché ce n’è una che mi ha spezzato il cuore! Il mio bipede dice che non posso scrivere il nome perché ci fanno causa anche loro (ho già abbastanza guai con la giustizia da quando ho telefonato a Radio Maria dicendo che Anna Tatangelo era Satana. Mi ha querelato. Satana, dico). Quindi il nome non lo scrivo, però vi dico che è irlandese, comincia per erre, non è Easyjet, e non è MyAir, però con questa ci fa rima. Ecco. A prova di chihuahua. Io ero profondamente, sconsideratamente innamorato di R. Mi sono fatto vacanze in scali industriali con sette “k” nel nome solo perché ero inebriato dalle tariffe a 7 euro e 90. Carissima R, ho mai protestato quando mi hai incastrato in un box doccia per canarini ostinandoti a chiamarlo posto a sedere? O quando mi hai fatto bere, nell’ordine, olio anti cellulite, liquido per lenti a contatto, amuchina, struccante e shampoo per cani per essere sicura che non fossi un terrorista? (Che poi… ma secondo te come si dirottano gli aerei, sputando colluttorio in faccia al comandante?). Ma io niente, non ho fiatato nemmeno quando mi hai detto che potevo portare a bordo 20 kg di bagaglio a mano, comodamente riposti in un decimetro cubo. O quando ho cominciato a realizzare che mediamente fra un tuo aeroporto e il primo centro abitato ci sono 200 euro di taxi, e che hai un’insana passione per gli imbarchi alle cinque del mattino. Non ho protestato nemmeno quando hai cominciato con il giochetto delle spunte da togliere, che se non fai attenzione paghi 90 euro in più per imbarcare una sdraio per opossum con l’accesso prioritario. Insomma, temo di aver abbondantemente varcato quella linea sottile che divide l’affezionato e l’imbecille. E allora, si può sapere come ti viene in mente di recapitarmi la seguente mail? “Dear customer, il Governo Spagnolo è nella cacca e non sapendo più come trovare soldi ha deciso di aumentare le tasse. A tutti. Anche quelle aeroportuali. Potremmo dunque trovarci nella spiacevole situazione di doverle spillare altri soldi per un volo che ha già prenotato e pagato da mesi. Non sappiamo ancora quanto le preleveremo ma prima di farlo la avvisiamo via mail. Sinceramente suoi. R. Customer service”. Non sto scherzando. La mail lo diceva un po’ meglio (We are advising customers with a reservation that includes a flight departing from a Spanish airport that we may be forced to debit passengers for any government imposed increases in airport charges prior to your travel date. Once the Spanish government budget is published R. will advise affected passengers by email of any additional airport charges that may apply to your reservation before any charges are made) ma il succo è questo. Ma ti sembra normale? E’ come se il panettiere venisse a dirmi che gli devo altri 300 euro per il pane che ho comprato l’anno scorso perché Monti ha fatto la manovra! Questa volta nemmeno il bipede ha potuto dire che era colpa mia. Io sono un esperto in truffe on line: ci sono cascato in tutte. Per dire, sono uno di quelli che per mesi ha intasato tutte le caselle di posta che mi capitavano a tiro con le foto dei poveri gatti in bottiglia dei cinesi (e ci sono pure rimasto malissimo quando ho scoperto che era una bufala). Una volta ho pure affittato un intero piano delle Twin Towers per due mesi a 400$. Un affarone. Solo che l’ho fatto nel 2002. Insomma, ormai non me la prendo neanche più. Però questa volta ci sono rimasto proprio male. E sai perché? Perché, cara R, mi hai scritto che questa schifezza la puoi fare perché sta scritto nelle General Terms and Conditions che io ho dichiarato di aver letto. Ora, guardaci in faccia. Secondo te quanti di noi erano seri quando hanno messo la spunta sul “Sì, dichiaro di averle lette” le mille volte che hanno volato con te? Se le avessero lette sarebbero andati in treno. Ecco. Forse hai ragione tu, siamo fessi noi. Però questo è veramente un colpo basso.




Versione per stampa
REDAZIONE - PUBBLICITA' - PROMOZIONI - _ - Road Communication sas Editrice P.I. 09842050016 - Copyright © Pagina - All rights reserved
Powered by Blulab